CULTURA LEGALE IN DOMANDE E RISPOSTE

CAMPAGNA PUBBLICA

/ Domande e risposte

CULTURA LEGALE IN DOMANDE E RISPOSTE

COSA FACCIAMO?

  • Promuoviamo continuamente e conseguentemente la cultura provieniente dalle fonti legali – in cinema, radio, tv, Internet, stampa, spazio pubblico
  • Da anni gestiamo il maggiore sito web che viene continuamente aggiornato e permette di usufruire della cultura proveniente dalle fonti legali: www.legalnakultura.pl
  • Creaiamo la banca dati di fonti legali continuamente allargata e completata, disponibile sul nostro sito web www.legalnakultura.pl 
  • Istruiamo – ialle scuole ed alle università in tutta la Polonia e nell’Area di Educazione sul nostro sito web

○     nell’ambito di che cosa sono le fonti legali, dove si trovano, come usarle
○     nell’ambito dei diritti d’autore, della protezione della proprietà intellettuale e dei settori correlati
○     nell’ambito della cultura cinematografica
○     nell’ambito dell’educazione mediatica
○     nell'ambito dei pericoli e della sicurezza su Internet
○     realizziamo i workshop formativi – collaboriamo con scuole, università, biblioteche, centri culturali, centri per la formazione degli insegnanti e con i provveditorati agli studi
○     collaboriamo con i giuristi (consultazioni e consulenza legale interattiva, lezioni durante le conferenze,consulenza legale durante gli eventi culturali ed i workshop organizzati dalla Cultura Legale)

  • Partecipiamo a un’operazione internazionale dell’unificazione del mercato digitale nell’UE collaborando con European Union Intellectual Property Office (EUIPO) e World Intellectual Property Organization (WIPO)

○     realizziamo i progetti educativi che riguardano la promozione della cultura proveniente dalle fonti legali, la protezione della proprietà intellettuale e i settori correlati
○     partecipiamo allo scambio delle conoscenze ed esperienze che riguardano i cambiamenti della legge dell’ il principio di territorialità, la fornitura delle licenze ecc. (conferenze, seminari, lezioni)
○     progetti culturali ed educativi organizzati dalla Cultura Legali sono presentati durante gli incontri internazionali

  • Realizziamo progetti culturali ed educativi ciclici nello spazio pubblico e virtuale come Cultura in Vista, Porte Aperte per la Cultura, cinema viaggiante ecc.
  • Creiamo diversi eventi culturali e scientifici che si svolgono ciclicamente o solo una volta (proiezioni dei film, conferenze, seminari ecc.)
  • Prendiamo parte ai più importanti eventi culturali in Polonia diffondendo le fonti legali e l’idea di una partecipazione consapevole alla cultura (Il Festival del Film di Gdynia, Off Festival)

○     la presenza nei media legati ai festival, alle rassegne cinematografiche ecc.
○     le trassmissioni in diretta degli incontri con gli autori
○     le presentazioni degli spot "Nel nero del cinema"

  • Da anni collaboriamo con tanti artisti apprezzati, promuoviamo anche l’attività dei artisti giovani 
  • Collaboriamo continuamente con gli specialisti e gli esperti da tanti settori – con giuristi, didatti, scienziati, giornalisti ecc.
  • Collaboriamo con tante istituzioni della cultura, consigli comunali, istituti d’istruzione ecc. (fra l’altro con Ministero della cultura e l’eredità nazionale, Istituto Polacco dell’Arte Cinematografica, Istituto Nazionale Audiovisivo, Centro Nazionale della Cultura)
  • Organizziamo i concorsi per gli autori esordienti e per i destinatari della cultura offrendo i premi attraenti che spesso rendono possibile la realizzazione dei progetti artistici
  • Conduciamo numerosi progetti di ricerca

○     sia quelli che riguardano i cambiamenti di atteggiamenti e di comportamenti dei destinatari della cultura legati all’uso delle sue fonti legali, sia quelli che concernono l’analisi dei nuovi fenomeni nella cultura (per esempio la ricerca sugli autori di User-Generated Content)
○     nell’ambito di questa attività modifichiamo i progetti della Cultura Legale per migliorare continuamente le nostre proposte e adeguarle ai mutevoli bisogni dei destinatari della cultura
○     realizziamo anche le ricerche per le istituzioni con cui collaboriamo
○     sul sito www.legalnakultura.pl pubblichiamo relazioni di ricerca

  • Pubblichiamo diversi materiali che promuovono le fonti legali e sono dedicati alla ricezione della cultura in una realtà digitale 

○     pubblicazioni elettroniche
○     pubblicazioni stampate
○     pubblicazioni sui giornali e sulle riviste scientifiche

  • Lavoriamo su un motore di ricerca universale e pluridimensionale che permetta di sfruttare al massimo le fonti legali della cultura disponibili su Internet
  • Svolgiamo attività di carattere interattivo

○     siamo in continuo contatto con gli utenti della cultura
○     rispondiamo alle loro domande
○     risolviamo i problemi
○     offriamo le proposte speciali ai gruppi dei destinatari determinati
○     condividiamo i materiali
○     gli internauti possono creare con noi la cultura proveniente dalle fonti legali, promuoverle e condividerle per esempio aggiungendo i link alla nostra banca dati

  • I nostri progetti sono dedicati ad un pubblico differenziato

○     non omettiamo i gruppi dei destinatari esclusi spesso dalla circolazione principale della cultura
○     mettiamo in rilievo l’importanza delle azioni cicliche e di quelle svolte solo una una volta organizzati per i cittadini delle piccole località con l’accesso limitato alla cultura nonchè per anziani, bambini, allievi ed insegnanti, pedagoghi, bibliotecari, impiegati, architetti, fotografi e altre gruppi professionali

  • In un dibattito pubblico sul tema delle fonti legali della cultura cerchiamo di essere un partner attivo e responsabile, di influenzare opinioni, atteggiamenti, comportamenti degli autori e degli destinatari della cultura. Non temiamo gli scontri con i nostri contraddittori. 
  • Tutte le nostre attività hanno un carattere positivo

○     promuoviamo
○     condividiamo
○     spieghiamo
○     insegniamo
○     ricordiamo i valori fondamentali,
○     diamo l’esempio
○     uniamo


PERCHÉ LO FACCIAMO?

Viviamo nella civiltà delle varietà. Questo significa la grande libertà, ma anche la responsabilità e l’attenzione nei confronti di varie tentazioni e pericoli. La nostra intenzione è quella di non perdere in tutta questa diversità i valori di base, le idee fondamentali per la cultura come l’onestà con gli altri, la possibilità di scegliere e il diritto al rispetto di quello che è il nostro contributo allo sviluppo culturale.

La Fondazione Cultura Legale esiste per ricordare ogni giorno le cose che in apparenza sono semplici e per promuovere il comportamento onesto e leale nonché l’atteggiamento riconoscente nei confronti degli artisti. La nostra missione è basata sul messaggio positivo – mostriamo come sfruttando tutto quello che ci offre la più recente tecnologia comportarsi in modo etico ed essere consapevole che si vive tra gli altri, anche su Internet.

Oggi costruiamo la cultura digitale così come per i secoli costruivamo quella materiale. Di nuovo dobbiamo elaborare i principi su cui essa si basa – le regole che ci permettono di soddisfare i nostri bisogni, ma nello stesso tempo, di non violare i diritti degli altri membri di una comunità virtuale e di non attentare ai loro sentimenti.
Vogliamo a far presente ai destinatari della cultura che esiste il legame tra la sua forma digitale e quella materiale. Internet non è un mondo a parte – molte norme e regole informali che applichiamo quando si tratta di un’opera fisica rimangono valide quando entriamo nel campo della produzione culturale pubblicata in rete.
La Cultura Legale mira a risolvere uno dei problemi più rilevanti della cultura contemporanea – come usufruirne mantendo la propria libertà e non limitando quella degli altri? Arriva il momento per intraprendere finalmente le azioni decise che hanno un carattere complessivo. Oggi non bastano i progetti occasionali, transitori, di breve durata o gli azioni incidentali. Tutte le persone della cultura dovrebbero unirsi intorno all’idea della legalità su Internet. Le generazioni di oggi vengono formati in rete e crescono in una cultura digitale perciò abbiamo bisogno di una strategia globale e a lungo termine per educare già i più piccoli cittadini al senso della responsabilità del nostro bene comune – della cultura su Internet.

La Fondazione Cultura Legale si pone gli obiettivi ambiziosi e differenziati. Vogliamo:

  • Promuovere la cultura proveniente dalle fonti legali
  • Creare la banca dati delle fonti legali accessibile sul sito www.legalnakultura.pl 
  • Istruire nell’ambito dei diritti d’autore e della protezione della proprietà intellettuale prendendo in considerazione l’etica come fonte di questi diritti e di tutte le scelte
  • Rendere possibile ai destinatari della cultura di trovare le risposte alle domande che riguardano diritti d’autore, protezione della proprietà intellettuale e tutela dell’immagine – in teoria e pratica
  • Promuovere l’educazione mediatica realizzando i progetti destinati alle generazioni di giovani, agli insegnanti e agli anziani
  • Propagare la protezione della proprietà intellettuale e chiedere l’applicazione della legge nei confronti di quelli che guadagnano diffondendo i beni culturali in mondo illegale
  • Fare presente ai destinatari della cultura che le norme morali e giuridiche riguardanti l’arte e gli artisti sono valide su Internet così come nello spazio fisico e che l’anonimato mal concepito non esonera dall’osservanza delle regole
  • Creare la consapevolezza e la responsabilità degli utenti di Internet che usufruiscono della cultura digitale
  • Cambiare gli atteggiamenti ed i comportamenti degli internauti verso la cultura in una realtà digitale
  • Mettere in rilievo il bisogno delle attività permanenti, complessi e sistemici per far presente ai destinatari della cultura il significato e l’importanza dell’uso delle fonti legali disponibili su Internet
  • Creare e consolidare l’ambiente dei rappresentanti di varie istituzioni culturali e dell’industria creativa che sviluppàra e propaghàra una partecipazione consapevole alla cultura
  • Diffondere la digitalizzazione delle risorse pubbliche
  • Propagare il crowdfunding in quanto un metodo moderno del finanziamento delle attività culturali
  • Sostenere e promuovere gli artisti giovani che cominciano il percorso professionale sul mercato della cultura digitale
  • Rivolgere i progetti educativi e culturali ai representanti di gruppi che hanno un accesso limitato alla cultura (per esempio agli abitanti delle piccole località allontanate dai centri culturali)
  • Diffondere i comportamenti etici negli affari – reagire contro l’inserimento sui siti web delle pubblicità che favoriscono la diffusione della cultura proveniente dalle fonti illegali
  • Costruire un motore di ricerca digitale e universale delle fonti legali della cultura
  • Creare la moda della cultura proveniente dalle fonti legali


PER CHI LO FACCIAMO?

La Cultura Legale e per tutti.

Rivolgiamo la nostra campagna alle persone che ci tengono alla cultura. Rafforziamo la loro convinzione che comportandosi in modo onesto nei confronti degli artisti prendono una decisione giusta. Facciamo vedere a loro che non rimangono soli dimostrando che tante persone pensano come loro e rispettano anche le regole.Rivolgiamo la nostra campagna a tutti che (ancora) non ci tengono alla cultura. Intendiamo di cambiarlo. Vogliamo far notare a loro che commettono lo sbaglio per cui poi paghiamo tutti – gli autori ed i destinatari – perchè le loro azioni impoveriscono la cultura. Gli convinciamo che mai è tardi per rinunciare ai cattivi abitudini. E sempre più spesso ci riusciamo.

Tuttavia, ci sono i gruppi di destinatari a cui ci teniamo in modo particolare. La nostra campagna è dedicata ai bambini, studenti e loro insegnanti perché le pratiche culturali si formano già nel processo dell’istruzione ed i rappresentanti delle generazioni giovani nel futuro decideranno come sarà la ricezione della cultura in una realtà digitale.
Per questa ragione la nostra campagna è dedicata anche alle persone che per vari motivi hanno un’accesso limitato alla cultura. Facendo presente a loro l’esistenza delle risorse legali su Internet ed insegnandogli come usarle aiutiamo a rompere le barriere spaziali ma anche quelle simboliche. Per questa ragione la nostra campagna è dedicata a tutte le generazioni. Ci teniamo che questo tema unisca la gente superando qualsiasi divisione, anche quella di età. Abbiamo bisogno di ognuno, ognuno è importante per noi.

CON CHI LO FACCIAMO?

Sin dall’inizio ci sono con noi gli autori, i rappresentatnti delle istituzioni culturali e gli esperti di vari settori della conoscenza. Il sostegno della maggior parte di loro ci accompagna da tanto tempo. Con ogni anno, con ogni progetto nuovo nella campagna pubblica della Cultura Legale appaiono i partner nuovi, gli amici e i simpatizzanti. Collaboriamo sia con le persone e le istituzioni che decidono sulla cultura nel nostro paese, sia con gli autori alle prime armi – abbiamo bisogno di ognuno, ognuno è importante per noi. E questo gruppo si allarga continuamente.

I partner strategici del progetto La Cultura Legale sono Ministero della cultura e eredità nazionale e Istituto Polacco dell’Arte Cinematografica. Inoltre, realizziamo i progetti in cooperazione con Centro Nazionale della Cultura. La nostra campagna è sostenuta dalle istituzioni e dai media partner che ci forniscono l’aiuto che riguarda il merito, la promozione o che assume la forma dell’assistenza in natura. Le informazioni sui Partner del progetto sono disponibili sul nostro sito web www.legalnakultura.pl

L’idea della Cultura Legale è sostenuta da centinaia di artisti - http://legalnakultura.pl/pl/sa-z-nami/popieraja-nas

Attualmente alla nostra campagna partecipa in modo attivo più di 700 aristi tra cui: Magdalena Boczarska, Sonia Bohosiewicz, Agnieszka Grochowska, Janusz Gajos, Tomasz Kot, Małgorzata Kożuchowska, Agata Kulesza, L.U.C. – Łukasz Rostkowski, Lech Majewski, Maja Ostaszewska, Dawid Podsiadło, Robert Więckiewicz, Jerzy Stuhr, Mariusz Szczygieł.

Gli ambasciatori della Cultura Legale sono: Anna Dereszowska, Piotr Metz, Dorota Miśkiewicz, Danuta Stenka, Jacek Wasilewski, Zbigniew Wodecki e Aga Zaryan.

PERCHÉ SIAMO FIERI DI CIÒ CHE FACCIAMO?

  • Perché rendiamo più consapevoli i destinari della cultura in Polonia. Sempre di più sanno dove e come usare le fonti legali e considerano la pirateria su Internet come vergogna culturale
  • Perché influenziamo realmente comportamenti dei destinatari della cultura istruendo e dando l’esempio. La Cultura Legale serve a formare l’abitudine di usare le fonti legali in rete
  • Perchè creando il sito della Cultura Legale e organizzando i workshop rendiamo Internet un posto più sicuro per tutti
  • Perchè abbiamo creato uno dei siti più importanti e famosi che riguarda questo tema. Il sito www.legalnakultura.pl è stato già visitato da circa 7.000.000 internauti
  • Perchè abbiamo creato la più grande banca dati delle fonti legali in Polonia
  • Perchè abbiamo realizzato tanti progetti culturali ed educativi a livello nazionale nell’ambito di educazione cinetematografica, educazione mediatica, diritti d’autore ecc. La maggiore parte dei progetti hanno il carattere duraturo negli anni successivi arganizzeremo le nuove edizioni migliorando le nostre proposte – Cultura In Vista www.kulturanawidoku.pl, Porte Aperte Per La Cultura www.otwartedrzwidokultury.pl 
  • Perchè sosteniamo gli artisti esordienti dando alle persone giovane la possibilità di condivedere la propria attività con i destinatari della cultura
  • Perchè abbiamo organizzato centinaia di workshop, di presentazioni ecc. per far presente ai destinatari della cultura l’importanza dell’uso delle fonti legali
  • Perchè circa 18.000.000 di destinatari della cultura hanno sentito i nostri spot Nel nero del cinema
  • Perchè abbiamo condotto le ricerche scientifiche nell’ambito dei nuovi settori della cultura tra cui ci sono alcune di carattere eccezionale – per esempio l’unica in tutta l’Europa ricerca sugli autori di User-Generated Content
  • Perchè cambiamo lo stile di vita degli internauti polacchi – abbiamo introdotto “la moda della legalità”, lo provano i risultati delle nostre ricerche e il sostegno che ha l’idea della Cultura Legale
  • Perchè abbiamo iniziato e creaiamo il dialogo nello spazio pubblico in Polonia sulla legalità nella cultura, invitiamo ed impegniamo in esso le più importanti persone ed istituzioni della cultura e dei media nel nostro paese
  • Perchè abbiamo convinto le istituzioni importanti della cultura e dell’istruzione, i media ed i rappresentanti dell’amministrazione locale che vale la pena di usare le fonti legali della cultura e sostenere l’idea della Cultura Legale dando un buon esempio agli altri
  • Perchè abbiamo il nostro contributo a un’operazione internazionale di costruzione del mercato unico digitale e di creazione della legge a favore di cittadini europei che faciliterà l’uso delle fonti legali della cultura. La nostra voce risuona a Bruxelles, Vienna, Ginevra, Roma, Alicante, Istanbul
  • Perchè promuoviamo all’estero i progetti culturali ed educativi polacchi partecipando allo scambio intellettuale con i rappresentanti degli altri paesi dell’UE (conferenze, seminari, lezioni, presentazioni ecc.)
  • Perchè intorno alla Cultura Legale abbiamo raccolto il gruppo degli autori e dei destinatari che sono legati alla nostra idea e che la diffondono – siamo tanti e il nostro gruppo si allarga continuamente creando una vera comunità
  • Perchè abbiamo creato una rete d’istruzione nell’ambito mediatico e di diritti d’autore in cui collaboriamo continuamente con tante scuole, università, biblioteche e altri istituti d’istruzione (workshop, schemi delle lezioni,consulenza legale)
  • Perchè abbiamo creato una squadra creativa, dinamica e attiva della Cultura Legale nonché il gruppo di collaboratori ed esperti fissi che agiscono per promuovere e condividere i beni culturali provenienti dalle fonti legali (giuristi, insegnanti, bibliotecari, membri di consigli comunali, scienziati, giornalisti, volontari ecc.)
  • Perchè abbiamo creato una buona marca, la marca della Cultura Legale

Tradotto da:
Biuro Tłumaczeń Diuna www.diuna.biz



Do góry!


Społeczna Kampania edukacyjna Legalna Kultura realizowana przez Fundację Legalna Kultura

Dofinansowano ze środków Ministra Kultury i Dziedzictwa Narodowego oraz Polskiego Instytutu Sztuki Filmowej